Miele di Manuka: trova il miglior prodotto in commercio

Miele di Manuka: trova il miglior prodotto in commercio

Il miele di Manuka ha raggiunto una grande popolarità negli ultimi anni grazie ai benefici medicinali e cosmetici che offre, anche se sono più di 25 anni che i ricercatori prestano particolare attenzione alla sua attività terapeutica e antibatterica.

Forse non sai che la pianta da cui si ricava il miele di Manuka è l’albero del tè o tea tree oil, le cui proprietà sono rinomate. Il miele invece è particolarmente ricco di un composto chiamato metilgliossale (MGO), responsabile delle sue proprietà antimicrobiche e offre anche benefici antiossidanti e antinfiammatori. Questi benefici si devono alla presenza di flavonoidi, acidi fenolici e metilgliossale (MGO). Parliamone in dettaglio nel nostro articolo!

Il miglior miele di Manuka in commercio: i nostri prodotti preferiti

Prima di addentrarci nelle informazioni sul miele di Manuka, qui sotto trovi i prodotti che ricevono una maggiore approvazione dalle persone che li provano, sia per il sapore che per le proprietà. Li inseriamo per ordine di preferenza:

Che cos’è il miele di Manuka?

Il miele di Manuka è un miele floreale, prodotto dalle api dal nettare dei fiori del cespuglio di Leptospermum scoparium che cresce in Nuova Zelanda e in Australia. Ha un sapore peculiare, agrodolce, con note di caramello.

Il miele di Manuka stimola il sistema immunitario (Ryan Merce – Flickr.com)

Quali nutrienti offre il miele di Manuka?

Dal punto di vista nutrizionale, il miele di Manuka non differisce troppo dal resto del miele. È una fonte concentrata di zuccheri semplici, principalmente fruttosio e glucosio, e fornisce moderate quantità di vitamine e minerali. Il miele di Manuka si differenzia dagli altri per il suo alto contenuto di metilgliossale (MGO) e flavonoidi.

Secondo gli esperti il metilgliossale è il principale composto antibatterico nel miele di Manuka, che insieme ai flavoloidi agisce come antiossidante e insieme lo rendono ricco di proprietà antinfiammatorie e curative.

Esiste un proverbio Maori che dice: “Dove gli antibiotici non arrivano, arriva il miele di Manuka”.

Miele di Manuka proprietà: che benefici offre questo miele?

I maori, nativi della Nuova Zelanda, hanno usato questo cibo dolce come medicina per centinaia di anni. Sebbene il miele di Manuka condivida la maggior parte delle sue proprietà con altri tipi di miele, si distingue per i suoi magnifici effetti antibatterici e curativi. Ecco un riepilogo su quelli che sono i suoi effetti benefici:

  • Ha un potente effetto antimicrobico, in particolare contro diversi batteri, sebbene inibisca anche lo sviluppo di virus e funghi. Il miele di Manuka si è dimostrato efficace contro i batteri altamente resistenti agli antibiotici sintetici.
  • È eccellente anche per curare le ferite croniche e viene usato anche come applicazione locale sulle ulcere, le lievi ustioni, le ferite e simili affezioni.
  • Aiuta a combattere la gengivite e la placca batterica dentale che causa la carie.
  • Offre antiossidanti che riducono il danno ossidativo legato a malattie cardiovascolari, alcuni tipi di cancro e patologie neurodegenerative.
  • Previene alcuni tipi di cancro prevenendo la proliferazione delle cellule tumorali. Ci sono studi che correlano il consumo di miele di Manuka con un effetto protettivo contro il melanoma, carcinoma mammario e carcinoma del colon-retto.
  • Collabora al trattamento della gastrite e delle ulcere peptiche associate al batterio Helicobacter pylori. Aiuta anche nella guarigione delle ulcere gastriche prodotte dall’acido acetico.
  • In uno studio sui ratti ha dimostrato di mitigare l’infiammazione a livello del colon.
  • Stimola il sistema immunitario, in particolare le cellule immunitarie legate alla guarigione delle ferite e alla riparazione dei tessuti.
  • Agisce come prebiotico e aiuta a regolare la funzione intestinale, poiché i suoi oligosaccaridi sono usati come substrato dal microbiota intestinale.

Cos’è il Manuka Single Factor (UMF) del miele di Manuka?

Il Manuka Unique Factor (UMF) è un valore risultante dalla combinazione di 3 sostanze presenti nel miele: il metilgliossale (MGO), l’idrossimetilfurfurale e la leptosperina.

L’idrossimetilfurfurale (HMF) è un indicatore che ti consente di sapere se il miele è stato sottoposto a un riscaldamento eccessivo. Nel miele puro e fresco dovrebbe essere trovato in quantità inferiore a 40 mg/kg di miele. La leptosperina è un composto esclusivo della Manuka e deve avere un valore superiore a 100 mg/kg di miele.

Mentre l’idrossimetilfurfurale e la leptosperina si trovano in quantità stabili nel miele di Manuka, il contenuto di metilgliossale è molto variabile. Maggiore è il contenuto di metilgliossale (MGO), maggiore è l’UMF (Single Manuka Factor) e maggiore è la sua attività antibatterica. L’UMF riflette il grado medicinale, la freschezza e l’autenticità di questo miele.

Le persone diabetiche possono consumare miele di Manuka?

Mentre lo zucchero raffinato comune ha un alto indice glicemico (IG), il cui valore è 70, il miele di Manuka ha un indice glicemico moderato compreso tra 54 e 59. Anche a questi valori però potrebbe produrre considerevoli aumenti del livello di zucchero nel sangue (glicemia). Per questo le persone diabetiche dovrebbero consumare il miele di Manuka con moderazione e in sostituzione di altri dolci (zucchero, marmellate, gelatine).

Quali sono le controindicazioni e gli effetti collaterali del miele di Manuka?

Sebbene il miele di Manuka sia sicuro per le persone sane, non deve essere consumato in grandi quantità visto che può portare a picchi glicemici, aumento di peso e tutte le spiacevoli conseguenze di questi. Abbondanti quantità possono anche portare a nausea e a diarrea.

Per quanto riguarda le controindicazioni, il miele di Manuka dovrebbe essere evitato, come altri tipi di miele, nelle seguenti situazioni:

  • Bambini sotto i 12 mesi, a causa del rischio di botulismo.
  • Persone diabetiche
  • Individui allergici al miele, al veleno d’api o al polline.

Le donne in gravidanza o in allattamento devono evitare di consumare miele di Manuka il cui unico fattore Manuka è maggiore di 15 (UMF 15+). In questi mieli il contenuto di metilgliossale (MGO) supera i 500 milligrammi per chilogrammo e non esistono studi che garantiscano che il suo consumo sia sicuro durante le fasi biologiche citate.

Quanti tipi di miele di Manuka esistono?

Il miele viene spesso classificato in base al suo UMF (Single Manuka Factor) o al suo contenuto di MGO (metilgliossale). Tuttavia, questi parametri non definiscono i tipi di miele, ma piuttosto si riferiscono alle loro proprietà. Il miele di Manuka viene diviso in:

  • Monoflora – è elaborato principalmente dal nettare dei fiori di Leptospermum scoparium. Deve soddisfare 5 criteri che vengono analizzati in laboratorio che attestino l’effettiva origine monoflorale.
  • Multifiore – è prodotto dal nettare di fiori di diverse varietà. Le api usano una notevole quantità di nettare dai fiori del cespuglio di Manuka, ma una buona parte del substrato proviene da altre piante.

Entrambi i tipi di miele di Manuka devono soddisfare 5 criteri per essere considerati tali, anche se con differenti valori, altrimenti non possono essere definiti “di Manuka”.

Immagine principale di Grey_Geezer – commons.wikimedia.org

Zazà

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *